VENEZIA

Il Fondaco dei Tedeschi, come sta andando? Tiriamo le somme

Fondaco dei Tedeschi

Gli spazi del Fondaco dei Tedeschi sono stati restituiti al loro ruolo originale, cioè quello storico-commerciale, e sono stati visitati in un anno da circa tre milioni di persone. Sono aumentate le offerte di marchi locali, passati da 330 a 400. Si tratta di piccole produzioni di nicchia ma fortemente legate alla realtà veneziana. Arte e cultura all’ultimo piano sono state caratterizzate da un susseguirsi di eventi aperti gratuitamente a tutti, in primis gli abitanti della città lagunare. Senza dimenticare il dato sull’occupazione. 400 giovani di cui il 60 per cento ha meno di trent’anni ed il 50 per cento è alla sua prima occupazione. Il 20 per cento proviene dalle facoltà di Ca’Foscari.

Fondaco dei Tedeschi

Il Gucci store – photo Matteo de Fina

Il Fondaco dei Tedeschi

Sono i numeri di un bilancio complessivamente positivo per T Fondaco dei Tedeschi. Il lifestyle department store aperto giusto un anno fa a Venezia, in linea con le aspettative così come ha confermato Eleonore De Boysson, Region President Europa e Middle East di DFS Group. Positivo in termini commerciali (anche se bisogna lavorarci ancora un po’, allargando per esempio gli spazi dedicati alla moda e all’abbigliamento). Positivo per la sintonia che si è creata con la città, grazie alla collaborazione – ha sottolineato Eleonore De Boysson – con eventi cittadini importanti come la Regata Storica e  il Carnevale. Ma anche collaborazioni con istituzioni di rilievo quali la Querini Stampalia, oltre ad una partnership con il Teatro Goldoni.

Fondaco dei Tedeschi

Loris Cecchini Installation, photo Matteo De Fina

Un po’ di conti

Fatti un po’ di conti, sono circa ottomila le presenze quotidiane, delle nazionalità più disparate. A sorpresa, al primo posto ci sono italiani ed europei. Vengono poi russi, americani, asiatici che in questi spazi spendono molto acquistando soprattutto prodotti con marchio italiano. Oltre allo shopping c’è la straordinarietà del Fondaco che lo ospita. La cornice storico-artistica unica è ulteriormente valorizzata da quella terrazza inaugurata lo scorso anno che a nostro avviso è il punto di forza di questo restauro. Visione da mozzafiato per le circa 1000-1200 persone al giorno che vi accedono. Forse uno delle immagini più belle da portare a casa.

Fondaco dei Tedeschi

La vista dalla terrazza, Photo Matteo de Fina

Gli eventi

Il primo compleanno di T Fondaco si festeggerà con un ottobre ”scoppiettante”. Incontri musicali e letterari, spettacoli dei migliori  artisti del Cirque du Soleil, una mostra fotografica dedicata ai giardini di Venezia, tre serate di degustazione dedicate a tre grandi vini italiani, tour guidati dagli esperti di moda  di Vogue Italia. TFondaco si racconta e illustra i propri programmi nel suo bimestrale on line che, a brevissimo, avrà anche una versione cartacea distribuita in diversi punti della città.

Autore: Cristina Campolonghi

Veneziana, laureata in Lettere all’Università Ca’ Foscari, giornalista professionista dal 1989. Ha lavorato per anni al quotidiano Il Gazzettino e nella redazione veneta della Rai. Collabora con riviste, uffici stampa, siti web. Cronista sensibile ai diversi aspetti della sua città: cultura, società, costume, turismo, ambiente

Il Fondaco dei Tedeschi, come sta andando? Tiriamo le somme ultima modifica: 2017-10-11T11:14:30+00:00 da Cristina Campolonghi

Commenti

commenti

To Top