Lirica e concerti, la Fenice riparte con un ricco cartellone da giugno a ottobre - itVenezia

itVenezia

CULTURA EVENTI

Lirica e concerti, la Fenice riparte con un ricco cartellone da giugno a ottobre

La Fenice Riparte Basilica San Marco

La Fenice riparte. Si è aperto nel segno della grande rinascita il cartellone del Teatro La Fenice che fino al prossimo 31 ottobre mette in scena cinque produzioni liriche e sei concerti. Oltre a tanti progetti artistici nati da importanti collaborazioni con enti e istituzioni. Come, per esempio, l’omaggio a Stravinskij qualche giorno fa in Basilica di San Marco. E il concerto straordinario il 2 giugno per la Festa della Repubblica. Dopo un lungo periodo di programmazione annunciata mese per mese a causa delle incertezze provocate dall’emergenza epidemiologica, ecco un cartellone a lungo termine che si svilupperà per cinque mesi, da giugno a ottobre. “Nel comporlo – spiega il sovrintendente e direttore artistico Fortunato Ortombina – abbiamo voluto anzitutto onorare le promesse fatte agli artisti e al pubblico. Recuperando tutti quei progetti che abbiamo dovuto cancellare per cause di forza maggiore. E’ un po’ come ripartire da dove ci eravamo lasciati, col desiderio di ritrovarci insieme a teatro ancora più forte di prima. Tutto questo in attesa della prossima stagione 2021-2022 che comincerà come di consueto a novembre e che sarà presentata a luglio”.

Il 2 luglio concerto evento diretto da Riccardo Muti per le nozze d’oro della Fenice con il grande Maestro

Per il cartellone sinfonico concertistico, appuntamento lunedì 2 luglio con un grande concerto diretto dal maestro Riccardo Muti. Evento davvero straordinario, annunciato per lo scorso novembre, recuperato ora come La Fenice aveva promesso. Una serata speciale che si terrà nella Sala Grande del Teatro per celebrare le nozze d’oro della Fenice con il Maestro a cinquant’anni dalla sua prima direzione a Venezia. Muti e l’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini saranno impegnati nell’esecuzione della sinfonia numero 8 in do maggiore D944 Grande di Franz Schubert. Sarà introdotta dall’ouverture del Matrimonio segreto di Domenico Cimarosa.

Riccardo Muti Alla Fenice

La stagione sinfonica proseguirà con altri quattro concerti. Il 28 agosto, al Teatro Malibran, musiche di Mozart e Beethoven con la direzione del maestro Umberto Benedetti Michelangeli. Avrà al suo fianco come solista il pianista Gabriele Strata. Alla Fenice il 16 e 17 ottobre in programma musiche di Brahms e Bruckner con il maestro Hartmut Haenchen. Sempre alla Fenice, altri due concerti: il 23 e il 24 ottobre Mario Venzago sarà impegnato a dirigere pagine di Haydn e Brahms. Il 31 ottobre sarà la volta invece di Jonathan Brett che dirigerà Mendelssohn e Brahms con Maxim Vengerov come violino solista.

La Fenice riparte anche con il Rigoletto per la prima volta a Venezia nell’allestimento di Damiano Michieletto

Particolarmente ricca la programmazione lirica, nonostante tutte le difficoltà legate alla pandemia. Si parte con il Faust di Charles Gounod, nuovo allestimento che avrà la regia, le scene e i costumi di Joan Anton Rechi. L’orchestra tornerà in buca e per la prima volta ci sarà un “doppio” palcoscenico. Con la scena ad occupare gli spazi del palco e della platea. Il pubblico troverà posto solo nei palchi, in galleria e nel loggione. Dirigerà il maestro Frédéric Chaslin. Cinque le recite in programma: il 25, 27 e 29 giugno, 1 e 3 luglio. Il 2, 4, 6, 8 e 10 luglio, al Teatro Malibran, in programma un nuovo allestimento di Farnace che condurrà gli spettatori alla riscoperta di Vivaldi operistico. La parte musicale sarà affidata a Diego Fasolis, direttore d’orchestra tra i massimi esperti della musica di Antonio Vivaldi. La regia sarà firmata da Christophe Gayral.

Un omaggio a Pier Luigi Pizzi sarà invece l’allestimento storico di Rinaldo di Georg Friedrich Händel in scena alla Fenice il 31 agosto, 2 e 4 settembre. Diretto da Federico Maria Sardelli, il Rinaldo è una delle pagine più rappresentative e spettacolari dell’opera barocca settecentesca. E poi il Rigoletto di Giuseppe Verdi che debuttò proprio al Teatro La Fenice l’11 marzo del 1851. Per la prima volta a Venezia sarà messo in scena con l’allestimento che il regista veneziano Damiano Michieletto realizzò nel 2017 per l’Opera Nazionale di Amsterdam. Nove la recite in programma il 29 settembre, 1, 2, 3, 5, 7, 8, 9 e 10 ottobre con la direzione di Daniele Callegari.

Fra le importanti collaborazioni di questa nuova stagione della rinascita, quella con Marghera Opera Estate in luglio, con il Festival di Mantova a settembre. Con il Conservatorio Benedetto Marcello la Fenice riprenderà il percorso di riscoperta e valorizzazione del catalogo di Tommaso Albinoni mettendo in scena la rarissima Engelberta il 14, 15 e 16 ottobre.

(ph credit: ufficio stampa Teatro La Fenice, Silvia Lelli)

Lirica e concerti, la Fenice riparte con un ricco cartellone da giugno a ottobre ultima modifica: 2021-06-10T08:30:00+02:00 da Cristina Campolonghi

Commenti

Subscribe
Notificami
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments

👍

To Top
2
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x