LO SAPEVI CHE

Sesso in pubblico, va bene amare Venezia ma a volte si esagera

sesso

Sesso a Venezia, la città degli innamorati

Un famoso cliché vuole che Venezia sia la città dell’amore e degli innamorati. Tutto bene finché ci si limita a camminare per manina o a scambiarsi un bacio romantico al chiaro di luna. Certi turisti però sono molto più focosi. Saranno le ombre di vino, sarà il fascino del luogo, ma molti non riescono ad aspettare di arrivare nella propria camera d’albergo. E così molti, disinibiti dall’alcool e inebriati dal fascino del proibito, finiscono per scambiarsi effusioni piuttosto esplicite in luoghi pubblici. In altre parole fanno sesso dove capita, in mezzo a una calle.

Leggenda o realtà?

sesso

Turisti ubriachi. Il giorno dopo

Quando ero uno studente a Venezia, avevo sentito una leggenda. Si diceva che spesso dei turisti disinibiti scegliessero delle calli nascoste, di notte, per consumare il loro amore. Gli amanti, complice l’oscurità, erano sicuri di non essere visti da nessuno. Invece un intero mondo di sguardi seguiva le scene piccanti dalle finestre e dai balconi. Si diceva addirittura che qualcuno incitasse le coppiette nei momenti più caldi: “Sù, hop, dai che ce la fai, daghinee!”. La leggenda in realtà era vera, ma portava con sé una certa poesia dovuta alla partecipazione divertita del pubblico.

Sesso in pubblico, a Venezia una triste realtà

sesso

Per alcuni Venezia è il posto dove dare sfogo alle fantasie sessuali

Di poetico c’è invece davvero poco nelle scene che da qualche anno si vedono in città. Capita infatti di trovare coppie di ubriachi mentre praticano sesso selvaggio un po’dove capita. Così ponti, calli dove c’è grande passaggio o campi molto frequentati possono diventare dei tristi palcoscenici per un teatro hard. Un groviglio di carne che non ha nulla di poetico e che offende il senso estetico. Ma la cosa peggiore è quando due amanti, vinti dalla stanchezza e dai fumi dell’alcool si addormentano mentre fanno sesso. Quindi la mattina presto, mentre si va a lavoro oppure a scuola, può capitare di ammirare un paio di chiappe scoperte adagiate su un materasso umano. Speriamo almeno non abbiano preso freddo.

Andrea Castello

Autore: Andrea Castello

Nasce come restauratore di opere d’arte a Venezia, dove collabora anche con vari giornali locali e nazionali. Si sposta prima in Francia e poi a Malta dove lavora come istruttore di sub per alcuni anni. Le grandi passioni che guidano la sua vita sono la pittura, la buona cucina e naturalmente la scrittura.

Sesso in pubblico, va bene amare Venezia ma a volte si esagera ultima modifica: 2017-01-31T10:53:22+00:00 da Andrea Castello

Commenti

To Top