STORIA VENEZIA DA SCOPRIRE

Alvise Zorzi, uno studioso alla difesa di Venezia

Alvise Zorzi

Le radici di Alvise Zorzi

Alvise Zorzi fu una figura fondamentale per la città idi Venezia. Giornalista, scrittore e Direttore della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica della Biennale di Venezia. Era figlio di una poetessa futurista, Irma Gelmetti nota come Irma Valeria. Grande traduttrice di classici dalla quale ereditò la passione per la lettura, per i classici e per la scrittura. Uomo colto, elegante, cosmopolita. Come pochi, poteva leggere oltre le apparenza e rappresentare la vera e più intensa anima di Venezia e di quel Veneto che conosceva nei suoi aspetti più profondi. Sposò la scrittrice Mimì Prinetti Castelletti.

Lavorò a lungo in Italia ed in Europa nel settore della comunicazione. Fu direttore dei Programmi Culturali della RAI e Vicepresidente dell’Unione Europea di Radiodiffusione. Fece parte del Comitato Consultivo per Venezia dell’Unesco. Inoltre fu Presidente del Comitato per la Pubblicazione delle Fonti per la Storia di Venezia e dell’Associazione dei Comitati Privati Internazionali per la Salvaguardia di Venezia.

Alvise Zorzi

Un uomo che ha amato Venezia come pochi altri

Una vita dedicata alla storia ed alla civiltà di Venezia

Zorzi fu una delle colonne portanti della cultura veneta.  Un protagonista appassionato, conosciuto e stimato della storiografia veneziana. Il suo impegno letterario fu interamente dedicato alla storia e alla civiltà di Venezia. La sua lunga attività è testimoniata da molte pubblicazioni di successo, tradotte anche all’Estero. Dai volumi su Venezia Scomparsa, studio documentato e completo sul patrimonio artistico scomparso dalla caduta della Repubblica ai giorni nostri. Dai saggi sulle origini della potenza marinara di Venezia, al periodo austriaco. Dagli studi sui palazzi veneziani, il Canal Grande e l’età di Tiziano. Oltre a una serie di saggi dedicati ai rapporti tra Venezia ed il suo entroterra.

Alvise Zorzi

Alvise Zorzi

Importanti sono le biografie dedicate ai più grandi personaggi veneziani come Andrea Gritti, Marco Polo, Tiziano, Goldoni e Veronica Franco. Alvise Zorzi ha rincorso la storia di Venezia dalle origini ai giorni nostri, con passione e competenza assolute. Saggista raffinato e dalle costruzioni avvincenti è stato il custode delle glorie di una Nazione in cui affondava le radici la sua stessa famiglia. Lo scrittore veneto, organizzatore culturale e scrittore infaticabile, sapeva bene che cimentarsi con il tema di Venezia e soprattutto con la dimensione crepuscolare attuale, era un’impresa pericolosa. Non a caso nel Novecento soltanto due poeti, Pound e Zanzotto, erano riusciti a scriverci sopra qualcosa di memorabile, glissando il rischio delle astrazioni estetizzanti o della retorica letteraria da incantamento.

Il saggista che difendeva Venezia

I croati tentarono di scipparci Marco Polo, dicendo che era nato nell’isola dalmata di Curzola. Ma Zorzi, documenti alla mano, cercò di ripristinare la verità. Qualcuno urlava anatemi sulla capitale della laguna, definendola “l’immondo svuota tasche” ed invitando i turisti a disertarla perché “fasulla come Disneyland”. Ed ecco che Alvise, con i suoi numerosi  libri ne rilanciava in modo potente l’immagine. È stato certamente un grande uomo di cultura , ma soprattutto il primo e più appassionato difensore di Venezia e della sua storia.

Rossana Nardacci

Autore: Rossana Nardacci

Laurea Magistrale in Informazione, Editoria e Giornalismo presso L’Università Roma Tre.
Corso di Social Media Marketing&Social Listening presso Bloo Srl di Pescara abilitante alla professione di Social Media Manager, professione che svolgo attualmente collaborando con diverse web agency. Mi occupo principalmente di Content Marketing e Social Media Marketing per aziende e liberi professionisti, redigo testi Seo Oriented e curo le strategie per blog aziendali.
Sono Docente di corsi di Social Media Marketing per aziende e futuri professionisti

Alvise Zorzi, uno studioso alla difesa di Venezia ultima modifica: 2017-02-22T12:55:27+00:00 da Rossana Nardacci

Commenti

To Top