I VENEZIANI RACCONTANO VENEZIA

itVenezia

CONSIGLI UTILI CULTURA

Librerie indipendenti del veneziano al tempo del Coronavirus

Librerie Indipendenti Venezia

C’è un vecchio mestiere che sta fortunatamente resistendo in questi ultimi anni, o forse addirittura rinascendo: quello del libraio. Nel regno incontrastato dell’e-commerce, le persone stanno fortunatamente riscoprendo il vantaggio di farsi consigliare un libro sull’averlo in 24 ore tra le mani… e non solo! Oggi vi portiamo alla scoperta delle librerie indipendenti della provincia di Venezia.

Librerie e Covid-19: una strana attenzione

Le librerie hanno chiuso i battenti nel lontano 11 marzo 2020. Con una popolazione in quarantena, il dato positivo (per la società) è che si è registrato un significativo aumento degli acquisti di libri online. Dato senz’altro negativo per le librerie (soprattutto indipendenti) che da sempre si fanno in quattro per offrire ai clienti i vantaggi che i rifornitori online non potranno mai offrire: fiducia, calore umano, eventi e incontri. Per fortuna ai librai la forza di volontà non manca e in molti si sono attrezzati con le consegne a domicilio o la vendita attraverso le edicole.

E poi il discusso DPCM dell’11 aprile 2020 che ha riaperto, in ordine sparso, le librerie d’Italia. Un’iniziativa in parte disapprovata dai librai perché ritenuta “simbolica” ma non “ragionata”: infatti le consegne a domicilio sono proseguite e, anzi, incoraggiate. L’ultima novità per quanto riguarda il Veneto è l’ordinanza regionale del 24 aprile 2020: librerie aperte tutti i giorni. Ecco allora i luoghi che vi consigliamo di cominciare a frequentare, quarantena o non quarantena.

Le librerie di Venezia: dalle storiche e indiscusse agli astri nascenti

Nonostante conti un numero di abitanti assai ridotto rispetto a un tempo, il centro storico di Venezia è ricco di librerie. E ce ne sono molte anche di indipendenti! La più famosa di tutte è senz’altro la Libreria Acqua Alta, vera e propria attrazione turistica grazie in particolar modo ai gatti e, strano a dirsi, alle vasche da bagno! Altra libreria storica è sicuramente la Toletta: venne fondata addirittura nel 1933! Molto gettonata, soprattutto dagli studenti universitari vista la sua posizione in Campo Santa Margherita, è la libreria Marco Polo, che ha una sede nuova di zecca anche in Giudecca. In Fondamenta dei Tolentini trovate la Mare di Carta, specializzata in titoli che hanno a che fare con il mare e l’acqua: non ce ne sono tante altre di librerie sulla nautica in Italia!

Sullaluna
Interno della libreria bistrot “Sullaluna” a Cannaregio. Fonte: Facebook

Non troppo distante trovate un’altra libreria specializzata, la Cluva, dedicata a chi ama architettura, arte e design. Non a caso è a due passi dalla sede centrale dello IUAV, così come di fronte al centro di comando dell’Università Ca’ Foscari trovate la libreria Cafoscarina. In zona San Marco ci sono invece la Libreria Goldoni (che ha una sede anche a Treviso) e la Bertoni, anche questa molto antica (data di fondazione 1935) e specializzata in titoli fuori catalogo. Concludiamo l’elenco con quella che è forse la più giovane di tutte, Sullaluna, una libreria bistrot fondata nel 2017. Qui potete gustare un ottimo brunch lungo rio della Misericordia, magari sfogliando una graphic novel appena acquistata.

Le proposte tra Mestre e Marghera

Lasciando il centro storico e posando i piedi in terraferma, troviamo all’interno del territorio comunale almeno altre tre proposte da tenere d’occhio. Soprattutto per bambini e ragazzini! A Marghera infatti si trova la libreria Il nastrino blu, specializzato in letteratura per l’infanzia da 0 a 12 anni; a Mestre invece potete conoscere Il libro con gli stivali, libreria dedicata sempre ai più piccoli ma con una fascia d’età fino ai ragazzi.

I bambini infatti meritano di essere sempre più stimolati dalla lettura e la loro sete di libri spesso è grande e variegata. Attenzione però: per avere figli che leggono bisogna essere anche genitori che leggono! Concludiamo con una particolarità mestrina: la Bottega di Manuzio. Questo spazio è interamente dedicato a libri rari e fuori catalogo: se cercate qualcosa di introvabile, è possibile che lì lo possiate scovare!

Le librerie della provincia

Arriviamo infine all’ampia provincia di Venezia, dove vivono circa 855 mila persone. Dove possono soddisfare la loro sete di letture indipendenti? È un po’ più complicato perché le catene sono più presenti, ma vi possiamo senz’altro indicare qualche angolo di pura passione libraria da frequentare. Partendo da nord, a Portogruaro si trova una delle sedi della Libreria Al Segno, fondata da fieri librai indipendenti e presente anche in altre cittadine della provincia di Pordenone.

Il Granaio Libreria
A Dolo c’è la libreria “Il granaio” con uno spazio di lettura. Fonte: Facebook

Altre piccole ma essenziali librerie di provincia sono Il gufo a Salzano, la Libreria Cornaro a Caorle, la Libreria Riviera a Mira e Albachiara a Spinea. Menzione particolare e doverosa per Il granaio a Dolo, una libreria in un bellissimo recupero industriale dotata anche di uno spazio dinamico di lettura e approfondimento affacciato sul naviglio. Chiudiamo questo breve viaggio in un luogo simile a quello d’inizio, ovvero Chioggia: qui trovate la Libreria Pegaso, con una selezione di libri molto eterogenea e una vetrina a pochi passi dal mare.

Librerie indipendenti del veneziano al tempo del Coronavirus ultima modifica: 2020-05-12T09:00:00+02:00 da Giorgia Favero
To Top