Domani la Madonna della Salute, quest'anno torna il ponte votivo - itVenezia

itVenezia

CHIESE FESTE E SAGRE SITI RELIGIOSI TRADIZIONI

Domani la Madonna della Salute, quest’anno torna il ponte votivo

Basilica Della Salute Bis

Venezia, 21 novembre, festa della Madonna della Salute. Non un semplice anniversario ma un appuntamento spirituale profondamente sentito dalla popolazione veneziana. Vissuto ancora più intensamente in questi tempi di pandemia. Se l’anno scorso le misure restrittive avevano portato le autorità a decidere di non realizzare il tradizionale ponte votivo, quest’anno sarà possibile raggiungere la basilica, come da tradizione secolare, attraverso il ponte allestito all’altezza del traghetto tra Santa Maria del Giglio e San Gregorio, che consente il passaggio dei fedeli verso la Madonna della Salute.

Ponte Votivo Madonna Salute

Il Patriarca Francesco Moraglia lo ha inaugurato, dopo il passaggio della processione di rito, con una benedizione. Ricordando le sofferenze del mondo a causa del Covid. E affidando la città alla Madonna della Salute, un simbolo di grande spiritualità e devozione per i veneziani credenti ma anche per i non credenti.

La basilica del Longhena e la preziosa icona bizantina che Francesco Morosini portò da Candia

Rapidamente la storia di questa devozione, testimonianza della grande spiritualità che ha segnato il Seicento veneziano. La basilica fu eretta per ringraziare la Madonna. Un voto fatto dal doge Nicolò Contarini in occasione della terribile peste del Seicento. La prima pietra del magnifico tempio progettato da Baldassare Longhena venne posta nell’aprile del 1631 e il 9 novembre del 1687, quasi cinquant’anni dopo, la basilica fu consacrata. Anche se già da qualche anno si era iniziato a officiare la Messa al suo interno. Colpisce, al centro dell’altare maggiore, la magnifica, suggestiva immagine della Madonna con Bambino, Mesopanditissa, cioè mediatrice di pace. Una preziosa icona bizantina, nell’occasione riccamente addobbata, qui collocata il 21 novembre del 1670. Proveniva dall’isola di Candia e fu portata a Venezia nel 1669 da Francesco Morosini.

Icona Madonna Della Salute

Quest’anno lo storico voto della Serenissima torna a rinnovarsi. Nel rispetto delle norme per evitare il contagio, i fedeli potranno accedere liberamente alla Basilica e poi, seguendo i percorsi predisposti, giungere fino all’altare maggiore dove venerare l’icona della Madonna. Oggi si svolgerà il pellegrinaggio dei giovani che partirà da campo San Maurizio alle 18.15. Un rosario peregrinante che come ogni anno sarà guidato dal Patriarca. Sante Messe alle 8, 9.30, 11, 15, 16, 17.30. Domani la Basilica sarà aperta dalle 6 alle 22.30 e le Messe saranno celebrate alle 6, 7, 8, 10 (presieduta dal patriarca Francesco Moraglia), 18, 19, 20.

Ceri Madonna Della Salute

Anche lunedì sono in programma Messe alle 9.30, 11, 15, 16, 17.30. Il numero dei fedeli che potranno partecipare sarà molto limitato per rispettare il distanziamento sociale. Le tradizionali candele non potranno essere accese dai fedeli ma dovranno essere deposte in appositi contenitori. Saranno poi i volontari a provvedere all’accensione dei ceri. Resta, come già lo scorso anno, l’invito del Patriarca di Venezia a celebrare la Festa della Salute in modo diffuso in tutte le parrocchie e i santuari della diocesi. La festa sarà caratterizzata anche quest’anno dall’indulgenza plenaria concessa dalla Santa Sede.

La tradizione dei ceri, il mercatino di dolci e palloncini, il piatto tipico della Castradina

Dal sacro al profano, torna anche il tradizionale mercatino, con le bancarelle degli articoli religiosi che saranno collocati in Campo della Salute e in Campo San Gregorio. In Rio Terà dei Catecumeni ci saranno i banchi dedicati alla vendita di frittelle, dolciumi, palloncini, caldarroste …

Mercatino

Sempre secondo una consolidata tradizione, oggi e domani la Collezione Guggenheim apre le porte gratuitamente ai cittadini. La proposta è riservata ai residenti nei 44 comuni della città metropolitana di Venezia, con prenotazione obbligatoria al seguente link, fino a esaurimento posti. L’accesso agli spazi museali è consentito solo su presentazione del Green Pass, congiuntamente a un documento d’identità valido. E a Castello, per questo weekend che vede anche gli ultimi giorni della Biennale Architettura ai Giardini (chiude domani), quest’anno saranno proposti prodotti gastronomici tipici del territorio. Non mancherà la tradizionale Castradina, piatto principe della Madonna della Salute.

(ph credit: Comune di Venezia)

Domani la Madonna della Salute, quest’anno torna il ponte votivo ultima modifica: 2021-11-20T08:30:00+01:00 da Cristina Campolonghi

Commenti

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Promuovi la tua azienda in Italia e nel Mondo
To Top
1
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x