STORIA

Il sestiere di Venezia, come ti divido la città

sestiere

Il sestiere di Venezia: da circoscrizione amministrativa a quartiere storico

I Sestieri di Venezia, quartieri storici in cui è divisa la città, sono sei. Cannaregio, Castello, Dorsoduro, San Marco, San Polo e Santa Croce. Mantengono questo nome fin dai tempi della Serenissima. I Sestieri di Venezia inizialmente erano circoscrizioni amministrative ed erano rappresentate da Consiglieri Ducali nel Consiglio della città. Ogni sestiere ha una sua storia da raccontare, con nuclei principali dai quali si partì per bonificare le terre circostanti, per strappare alla laguna metri quadri in cui costruire abitazioni, palazzi e chiese.

sestiere

La mappa dei sestieri

Dorsoduro, tra i sestierei più visitati dai turisti

Il termine Dorsoduro deriva dal fatto che un tempo tutta l’area del quartiere era coperta da compatte dune di sabbia. Il terreno era meno paludoso e più stabile. Dal “dorso duro” appunto. Il Sestiere comprende anche le isole di Sacca Fisola e della Giudecca.

Oggi Dorsoduro è il sestiere più visitato dai turisti e, dopo S.Marco, è il sestiere con la maggior concentrazione di musei. Gallerie dell’Accademia di Venezia con le opere della pittura veneta dal Trecento al Rinascimento. Peggy Guggenheim Collection, una delle gallerie più prestigiose all’interno del Palazzo Venier dei Leoni, comprendente opere di Picasso, Duchamp, De Chirico, Kandinsky, Magritte. Il Museo d’Arte Contemporanea, sede permanente delle opere della collezione di Francois Pinault.

A Dorsoduro vi è anche lo Squero di San Trovaso in cui si costruiscono le Gondole e la Scuola Grande dei Carmini, sede di una delle confraternite laiche dedite alla beneficienza. Inoltre in questo sestiere si trovano palazzi prestigiosi come Ca’ Rezzonico comprendente affreschi di Tiepolo e Ca’ Foscari, edificio gotico del ‘400, sede dell’Università Statale di Venezia. Anche le architetture religiose di Dorsoduro sono di una grande rilevanza artistica. Basilica di Santa Maria della Salute, espressione del barocco veneziano. Chiesa di San Raffaele Arcangelo.

Santa Croce: il sestiere caratterizzato da chiese e palazzi prestigiosi

Il Sestiere di Santa Croce prende il nome da un’antica chiesa distrutta in epoca napoleonica.  Insieme al Sestiere di San Polo formava la zona chiamata Luprio, terreno di saline per la Serenissima.

Santa Croce è la porta sulla città per gli autoveicoli che arrivano a Venezia dal Ponte della Libertà. In questo quartiere si trova la Stazione Marittima dove fanno scalo le navi da crociera di più di 30 Compagnie internazionali. La zona storica di Santa Croce ospita luoghi di culto molto interessanti. La chiesa di San Stae con opere pittoriche del Tiepolo. La chiesa di San Nicola. La chiesa di San Giacomo dell’Orio del IX secolo. La chiesa di San Zan Degolà, teatro di un delitto nel 1500.

Tra i Palazzi più famosi a Santa Croce vi è Ca’ Pesaro, sede della Galleria Internazionale d’Arte Moderna ed il Museo d’Arte Orientale di Venezia. Il Fontego dei Turchi, sede del Museo Civico di Storia Naturale di Venezia. Inoltre il Sestiere è collegato a Cannaregio dal Ponte degli Scalzi e dal Ponte della Costituzione.

sestiere

Il Palazzo Ducale e la basilica

San Marco: il cuore di Venezia

Il Sestiere di San Marco si chiama così poiché nell’’828 due pescatori, Buono da Malamocco e Rustego da Torcello, rubarono la salma di San Marco Evangelista da Alessandria d’Egitto e la portarono a Venezia. Il Santo, le cui spoglie sono tuttora custodite nella Basilica, divenne il Santo Patrono della città di Venezia. Il Sestiere originariamente era chiamato Rivoalto ed era già il nucleo della città. Esso ospita la famosa Basilica di San Marco, la quale custodisce innumerevoli opere d’arte.

Tra i Palazzi prestigiosi presenti in questo sestiere vi sono Palazzo Ducale, casa del potere politico della città, il palazzo del Doge e delle magistrature cittadine. Oggi sede del Museo Civico di Palazzo Ducale. Vi sono inoltre le Procuratie, magnifici edifici in cui sedeva l’amministrazione pubblica ai tempi della Serenissima. Di notevole importanza il Campanile di San Marco, la cui struttura originale crollò nel 1902. Nel Sestiere di San Marco vi è inoltre il Teatro La Fenice, uno dei teatri lirici più famosi al mondo.

sestiere

La chiesa di San Pietro a Castello

Castello: il più grande Sestiere di Venezia

Il termine Castello deriva dalla presenza di un forte medievale costruito sull’Isola di San Pietro. E’ il Sestiere dell’Arsenale, imponente complesso di cantieri navali ed oggi sede della Marina Militare Italiana. Castello è anche il Sestiere della Biennale di Venezia con le Sedi Espositive ed i Giardini della Biennale. Tra i monumenti religiosi importanti di Castello vi sono la Chiesa di San Zaccaria dell’XI secolo con capolavori di Giovanni Bellini. La Chiesa di San Francesco della Vigna, una delle più belle chiese rinascimentali di Venezia. La Chiesa di SS. Giovanni e Paolo in stile gotico. A Castello vi è inoltre il Museo Navale di Venezia, il più importante nel suo genere in Italia. Al suo interno si possono ammirare modelli navali storici ed imbarcazioni della Marina Militare Italiana. I Giardini della Biennale ospitano i padiglioni e le strutture di una delle istituzioni culturali più prestigiose al mondo: la Biennale di Venezia.

Cannaregio: il Sestiere più popolato della città di Venezia

Il termine Cannaregio deriva probabilmente dalla presenza di canneti prima delle bonifiche del XII secolo. In questo Sestiere vi si trova la Stazione di Venezia Santa Lucia risalente al XIX secolo. Al Centro di Cannaregio vi è il Ghetto Ebraico, zona di residenza obbligata per la Comunità Ebraica prima dell’Epoca Napoleonica. Tra i Palazzi più notevoli vi sono Ca’ D’Oro, un Palazzo-Museo in stile gotico che ospita collezioni d’arte e pezzi d’arredamento rinascimentali. Ca’ Vendramin Calergi in cui si trova il Casinò di Venezia, una delle case da gioco più affascinanti del mondo. In questo Sestiere vi è inoltre la Chiesa della Madonna dell’Orto, esempio d’architettura gotica veneziana.

sestiere

Il campo di San Polo

San Polo: il Sestiere in cui si sviluppa il commercio della Città

Il termine San Polo deriva da Campo San Paolo, maggiore Piazza di Venezia, dopo San Marco. L’area più nota del Sestiere è Rialto in cui si trovano il Ponte di Rialto ed il mercato di Rialto, cuore del commercio della città. Riguardo monumenti religiosi noti nel Sestiere vi sono la Chiesa di San Polo ospitante l’Ultima Cena del Tintoretto; la Basilica di Santa Maria Gloriosa dei Frari caratterizzata dall’Assunta di Tiziano; la Chiesa di San Rocco con la sua facciata bianca. Di fondamentale importanza sono la Scuola Grande di San Rocco in cui vi sono dipinti del Tintoretto e la Scuola Grande di San Giovanni Evangelista in cui vi sono esposte le opere del Bellini.

 

Rossana Nardacci

Autore: Rossana Nardacci

Laurea Magistrale in Informazione, Editoria e Giornalismo presso L’Università Roma Tre.
Corso di Social Media Marketing&Social Listening presso Bloo Srl di Pescara abilitante alla professione di Social Media Manager, professione che svolgo attualmente collaborando con diverse web agency. Mi occupo principalmente di Content Marketing e Social Media Marketing per aziende e liberi professionisti, redigo testi Seo Oriented e curo le strategie per blog aziendali.
Sono Docente di corsi di Social Media Marketing per aziende e futuri professionisti

Il sestiere di Venezia, come ti divido la città ultima modifica: 2017-03-09T16:11:11+00:00 da Rossana Nardacci

Commenti

To Top