EVENTI STORIA, ARTE E CULTURA

Dee Dee Bridgewater torna alla Fenice per il Venezia Jazz Festival 2019

Appuntamento numero 12 per il Venezia Jazz Festival 2019. Ne è passata di acqua sotto i ponti da quel 2006 quando Keith Jarrett fu il protagonista di un grande concerto nella prestigiosa sede del Teatro La Fenice. La stessa che anche quest’anno ospiterà due serate imperdibili. Acqua che ha portato nella città lagunare protagonisti tra i più noti e prestigiosi del jazz mondiale. Da Keith Jarrett, appunto, a Paco de Lucìa, Caetano Veloso, Dee Dee Bridgewater. E tanti altri che hanno illuminato le serate di questa manifestazione, ormai divenuta appuntamento di rigore per l’estate musicale veneziana. E sarà proprio Dee Dee Bridgewater a tornare quest’anno, grande protagonista del Festival, al Teatro La Fenice il prossimo 8 luglio.

Venezia Jazz Festival 2019

Dee Dee Bridgewater

Concerto con tre grandi artisti per i 50 anni di ECM

Questa dodicesima edizione, che si terrà dal 27 giugno all’11 luglio, vuole celebrare anche i cinquant’anni della casa discografica ECM (Editions of Contemporary Music). Etichetta di jazz e musica contemporanea fondata nel 1969 da Manfred Eicher. Celebrazione che culminerà nella serata del 7 luglio, alla Fenice, quando saranno di scena tre artisti rappresentativi di ECM. In programma tre concerti in un’unica serata, per circa tre ore di grande musica. Il primo con il maestro di oud tunisino Anouar Brahem e il suo nuovo ensemble, il secondo con il polistrumentista brasiliano Egberto Gismonti che si esibirà in una rara performance di piano solo e chitarra, il terzo con l’inossidabile Enrico Rava che suonerà con un super gruppo italiano. “Artisti e maestri diversissimi tra loro – sottolinea il direttore artistico della manifestazione, Giuseppe Mormile – accomunati da quel suono e quella filosofia che rende ECM riconoscibile nel mondo. I cinquant’anni della ECM saranno celebrati solo con due appuntamenti: questo veneziano e uno a New York”.

Il concerto di Dee Dee Bridgewater, che animerà la serata dell’8 luglio, sarà un omaggio alla Francia di Edith Piaf e Charles Trenet, ma anche di Josephine Baker, con una serie di brani legati alla carriera e alla vita della famosa performer statunitense naturalizzata francese.

Venezia Jazz Festival 2019

Anouar Brahem

Tanti appuntamenti per il Venezia Jazz Festival 2019

Venezia Jazz Festival 2019 sarà anche molto altro, a cominciare dalla tradizionale serata di apertura nella suggestiva altana dello Splendid Suisse Hotel con un tributo ad Astor Piazzolla di Andrea Dessi e Massimo Tagliata (27 giugno). Gli appuntamenti in calendario toccheranno luoghi suggestivi e affascinanti: la Chiesa della Pietà con Hank Roberts protagonista di un workshop sull’arte dell’improvvisazione che qui terrà il suo saggio finale il 2 luglio. Un secondo workshop – 2-6 luglio, dedicato alle apparecchiature Moog e ai sintetizzatori elettronici – si terrà nell’isola di San Servolo, serata finale il 5 luglio con Alexander Robotnik. Ma anche due concerti alle Sale Apollinee: Pipe Dream feat. Hank Roberts (30 giugno) e Jon Balke feat. Giorgio Li Calzi (4 luglio). L’11 luglio appuntamento al T Fondaco dei Tedeschi con le raffinate musiche e atmosfere di Daniele di Bonaventura e Arild Andersen. Ancora un concerto, di forte ricerca espressiva sulla musica klezmer, alla Chiesa della Pietà col duo Malastrana di Luciano Biondini e Mosè Chiavoni (9 luglio).

Venezia Jazz Festival 2019

Balke

Il viaggio continua nella città metropolitana con Venice met Fest

Dalla laguna alla terraferma altri nuovi appuntamenti. Il 12 luglio a Fiesso D’Artico (Step Lively, nuovo singolo di EM4NCIPATION), il 18 luglio a Villa Widmann di Mira (trio Mi Linda Dama), a Chioggia il 15 luglio con la California Jazz Conservatory (formazione studentesca in viaggio per l’Europa) e il 31 agosto con il quartetto del giovane chitarrista Luca Zennaro. Special guest della serata sarà Alessandro Lanzoni, uno dei migliori pianisti italiani della nuova generazione.

Calendario ricco e molto stimolante. Aperto a tutte le forme del jazz e che dà ampio spazio alle contaminazioni. Da non dimenticare che il jazz club del festival sarà Laguna Libre, osteria della cultura in Fondamenta Cannaregio, con un ricco programma di “Waiting for … “ e le seconde serate di tutti i giorni della manifestazione.

www.venetojazz.com

Cristina Campolonghi

Autore: Cristina Campolonghi

Veneziana, laureata in Lettere all’Università Ca’ Foscari, giornalista professionista dal 1989. Ha lavorato per anni al quotidiano Il Gazzettino e nella redazione veneta della Rai. Collabora con riviste, uffici stampa, siti web. Cronista sensibile ai diversi aspetti della sua città: cultura, società, costume, turismo, ambiente

Dee Dee Bridgewater torna alla Fenice per il Venezia Jazz Festival 2019 ultima modifica: 2019-06-04T16:51:10+01:00 da Cristina Campolonghi

Commenti

To Top