EVENTI STORIA, ARTE E CULTURA

Venice Open Stage, un laboratorio continuo a Venezia

venice

Il 1 luglio partirà la quinta edizione del Venice Open Stage. Festival Internazionale del Teatro delle Università e delle Accademie e tante sono le novità per il 2017. Il programma ufficiale uscirà il 23 giugno ma possiamo darvi delle anticipazioni su quanto succederà in Campazzo San Sebastiano. La manifestazione sarà seguita da ItVenezia e da Italiani.it, media partner dell’evento.

Per prima cosa possiamo dirvi che, da quest’anno, non “scenderanno in campo” soltanto compagnie provenienti da prestigiose scuole e accademie di recitazione di tutto il mondo. Ci saranno, infatti, tre serate dedicate alle compagnie OFF. Si tratta di compagnie formate da giovani professionisti che lavorano soprattutto sulla scena indipendente, fuori dai grandi circuiti.

Nelle sezioni OFF dei festival indipendenti di tutta Europa di trovano spettacoli incredibilmente interessanti. Si può esperire un modo di fare teatro a cui spesso noi italiani, custodi gelosi di una tradizione molto importante, non siamo abituati. Vi capita mai di andare a teatro, vedere uno spettacolo in una lingua straniera che sarete sicuri di non capire e uscire dalla sala soddisfatti? No, immagino. A meno che voi non giriate l’estero a caccia di rassegne teatrali contemporanee.

L’enorme peso che in Italia diamo alla parola viene spesso sostituito, in paesi come Francia e Germania ma, soprattutto, nelle realtà più a nord, da movimento e performance. Il testo è una parte dello spettacolo non il centro e non è l’unica chiave per comprenderlo. Questo permette anche a chi non padroneggia la lingua di entrare in una situazione, capirla ed essere soddisfatto da quanto fruito in sala.

venice

Un’immagine della scorsa edizione

Venice Open Stage laboratorio continuo

Il VOS è sempre stato un grande laboratorio. Nato dall’università Iuav è, pur divenendone indipendente, rimasto in orbita universitaria coinvolgendo anche Ca’ Foscari e Accademia. Il Festival mantiene intatta la sua missione formativa, quella che ha avvicinato tanti studenti al teatro. La formazione non riguarda solo la tecnica attoriale, ma abbraccia tutto quello che agli attori fa da sfondo.

Da ormai cinque anni scenotecnici, fonici, light designer, grafici, esperti di comunicazione culturale, si formano nella palestra di San Sebastiano e, dal 2017, abbiamo novità per tutti. Quest’anno il Venice Open Stage attiva ben tre laboratori dedicati ad attori, ballerini e videomaker.

Venexiana – Commedia dell’arte con Michele Monetta (9 – 12 luglio)

Propone l’utilizzo della maschera attraverso tutto ciò che viene definito Commedia dell’Arte. L’intento non è resuscitare un genere, non avrebbe alcun senso, ma reinventare una concreta pragmatica dell’attore e della formazione professionale guardando a tecniche, poetiche, visioni e suggestioni che hanno rapito la fantasia e l’immaginazione di scrittori, poeti, pittori, musicisti e registi tra ‘800 e ‘900.

venice

L’allestimento del palco

Origini e richiami – Danza e movimento con Lara Russo (3 – 6 luglio)

Esercizi provenienti dalle tecniche Contact Improvisation e di Body mind centering guideranno momenti di sintonia e intuizione tra il proprio movimento e quello del gruppo. Le calli e i campi della città rappresenteranno un ulteriore corpo con cui fondersi e richiamare memorie passate.

Ci si riapproprierà degli spazi pubblici secondo criteri stabiliti nel momento stesso dell’improvvisazione. Il fine è vivere lo spazio tra i corpi come una porta di accesso ad altre modalità di stare a Venezia. Come una propria personale occasione di apertura e trasformazione.

Diario di Campo – Montaggio video con i Kinonauts (27 – 28 giugno)

Il laboratorio, a cura di Matteo Stocco e Matteo Primiterra (Kinonauts), si svolgerà il 27/28 giugno 2017 a Venezia. Il conseguente lavoro sul campo potrà essere riconosciuto come attività di tirocinio o stage universitario. Il fine è raccogliere e raccontare le immagini, le storie e le suggestioni del Venice Open Stage 2017.

David Angeli

Autore: David Angeli

Nato a San Daniele del Friuli il 23 aprile 1986, ha studiato Storia a Ca’Foscari. A Venezia, è membro delle compagnie teatrali Accadueò Non Potabile e Malmadur e del collettivo Blare Out. È pubblicista dal 2012 e ricopre il ruolo di ufficio stampa e collaboratore artistico del Venice Open Stage.

Venice Open Stage, un laboratorio continuo a Venezia ultima modifica: 2017-06-20T11:09:22+00:00 da David Angeli

Commenti

To Top