CAMPO

Bacaro tour: un tour 100% veneziano

bacaro tour

Uno dei tanti modi per scoprire Venezia è il bacaro tour. Di cosa si tratta? Camminare per la città mette appetito! Quale modo migliore di entrare in contatto con le tradizioni del posto se non attraverso le sue abitudini enogastronomiche? Il bacaro tour è un giro per i locali veneziani tradizionali. Il bacaro è una sorta di osteria trattoria. Si tratta di luoghi semplici, dove molto spesso si sta in piedi attorno ad un bancone o attorno qualche tavolino. Il bacaro tour, o l’andar per bacàri, porta alla scoperta di un volto più informale della città, di una sua espressione genuina. Tra le zone più rinomate vi è senza dubbio quella di Rialto, ma il bacaro è presente in tutta la città. Con la bella stagione e la possibilità di sedere all’aperto di sicuro l’esperienza prende un colore ancora più autentico. Infatti, anche se il bacaro tour è un’idea che si propone molto spesso ai turisti, calca quelle che sono le abitudini degli abitanti. Offre dunque la possibilità di immedesimarsi nello spirito del posto e rappresenta un tour al 100% veneziano.

bacaro tour

Lo spritz è un’ottima bevanda per accompagnare i cicchetti

GLOSSARIO POPOLARE DEL BACARO TOUR

Per entrare fino in fondo nell’argomento, abbiamo bisogno di un piccolo glossario popolare. Capendo a pieno il significato delle parole a cui facciamo riferimento, di sicuro ne avremo più chiara la vera essenza. La parola bacaro deriva dall’espressione dialettale “far bacara”, ovvero far baldoria. Il termine quindi denota al meglio il concetto: riunirsi con gli amici per mangiare e bere in compagnia. Gli ingredienti fondamentali per rendere il bacaro tour tale sono le ombre, i cicchetti e gli spritz. L’origine del termine ombra pare sia legato alle abitudini dei venditori di vino ambulanti. Si dice che il vino venisse tenuto all’ombra del campanile di Piazza San Marco per garantirne la freschezza. Oggi il termine ombra indica un bicchiere di vino. I cicchetti sono delle piccole porzioni di cibo, vendute come spezza fame assieme al già menzionato vino. Il termine nasce dal latino ciccus che significa appunto piccola quantità. Spritz è la bevanda alcolica tipica dell’aperitivo veneziano. Pare che il termine derivi dal verbo tedesco “spritzen” che significa spruzzare. Si dice infatti che i soldati dell’Impero austriaco di stanza nella Serenissima avessero l’abitudine di far allungare il vino con dell’acqua frizzante.

bacaro tour

I cicchetti veneziani

BERE E MANGIARE NELLO SPIRITO DELLA TRADIZIONE

Il bacaro tour unisce due abitudini tipiche dei momenti di convivialità. La buona tavola accompagnata dal buon bere. Le piccole quantità permetto di sperimentare una vasta gamma di ricette, offerte a prezzi ovviamente contenuti. Sicuramente è una possibilità low cost per girare alla scoperta di luoghi nascosti. Bere e mangiare dunque, per godersi la città e i suoi ritmi così sereni e speciali. Infatti, ogni piccolo bacaro offre ai visitatori una selezione di vini, birra e spritz ma anche cicchetti. A seconda delle specialità del posto ce ne sono di pesce, di carne e vegetariani. Possono essere dei fritti, oppure delle fettine di pane con accompagnamenti più o meno elaborati. Spesso il grande protagonista è il pesce, che nella cucina tradizionale veneziana la fa da padrone. Insomma, il bacaro tour è un’immersione nelle tradizioni enogastronomiche veneziane. Ve ne sono così tanti che visitarli tutti sarebbe quasi impossibile. Tuttavia pensare ad un buon itinerario spesso porta a scoprire posti meno usuali della città, al di fuori del percorso turistico standard. E’ dunque un’idea alternativa per lanciarsi alla scoperta di questa città magica a partire dai suoi sapori!

Eva Zilio

Autore: Eva Zilio

Laureata al dipartimento di lingue dell’università Ca’ Foscari per dare senso e spazio al suo amore per il movimento e la scoperta, di recente è approdata a Belgrado per proseguire i suoi studi occupandosi di teatro contemporaneo.

Bacaro tour: un tour 100% veneziano ultima modifica: 2017-03-05T17:48:17+00:00 da Eva Zilio

Commenti

To Top