EVENTI

Quattro laboratori, dedicati a suono e movimento, all’interno di “Electro Camp festival 2017”

“Electro Camp V. Piattaforma sperimentale per le arti performative” creata dall’associazione culturale Live Arts Cultures e dalla netlabel electronicgirls avvia quattro nuovi laboratori pensati per tutte le età: dal mondo dell’infanzia agli adolescenti sino agli adulti, tra suono e movimento il festival intende avvicinare ancora di più il pubblico ai linguaggi del contemporaneo.

In attesa del programma definitivo del festival, dal 7 al 10 settembre all’interno di C32 performing art work space a Forte Marghera (Mestre-Venezia), sono stati annunciati in questi giorni i workshop diurni, che si uniranno agli eventi serali.

Il primo è “Concerto per alberi – Laboratorio di fiabe sonore”, progetto a cura di Patrizia Mattioli (compositrice e musicista) con il sostegno di Ilaria Pasqualetto (attrice ed educatrice).
Il titolo è tratto dal libro “Concerto per Alberi” di Laëtitia Devernay.
Pagine di libri verranno sonorizzate adottando la memoria sonora da produrre con la voce, il corpo, e la magia degli strumenti musicali multimediali tablet, tastiere, scatole sonore, improvvisazioni vocali, paesaggi sonori, gioco all’aperto e immaginazione dei suoni. Un modo diverso di leggere le fiabe, attraverso le sonorità custodite all’interno di esse, un viaggio tra atmosfere e ambientazioni fantastiche per scoprire i segreti racchiusi nelle pagina e guardare così ogni libro da un punto di vista differente.
La partecipazione alla comunicazione è intesa come potenziamento delle capacità di ascolto, comprensione dei messaggi, scambio e dialogo attraverso le parole e il corpo, gli oggetti, le immagini, i ritmi e il silenzio.
Il laboratorio si terrà venerdì 8 e sabato 9 settembre (ore 15.30-17.30). Per informazioni e iscrizioni: electronicgirls.fest@gmail.com

“La natura dell’atto” è un laboratorio dedicato a performers condotto da Silvia Rampelli-Habillé d’eau. Il laboratorio indaga la natura dell’atto. Ne pratica i fondamenti: materia, tempo.
Focalizza l’emergere dell’esperienza del corpo. Approfondisce in modo specifico il transito alla cognizione. È il luogo della consegna al qui e ora dell’accadere, dell’ampliamento percettivo dell’attitudine critico-conoscitiva.
Silvia Rampelli laurea in Filosofia all’Università La Sapienza Roma, docente del Master in Artiterapie, Università Roma Tre, focalizza la riflessione sulla natura dell’atto performativo. Attiva nella creazione artistica con la compagnia Habillé d’eau e in ambito teorico, sociale e formativo, conduce seminari in contesti di ricerca e progetti con utenti fragili. Con Habillé d’eau è prodotta – tra l’altro – da La Biennale di Venezia, Festival Internazionale del Teatro diretto da Romeo Castellucci, dal Centro per la Sperimentazione e la Ricerca Teatrale di Pontedera e invitata nei maggiori festival italiani e in Francia, Bosnia, Stati Uniti, Polonia. Numerosi sono i riconoscimenti e i testi critici pubblicati.
Quest’esperienza avrà luogo sabato 9 e domenica 10 settembre (ore 11.00-17.00).

“Teen leader” è un laboratorio aperto e gratuito per ragazzi dai 13 e 18 anni senza nessun requisito richiesto se non curiosità, disponibilità al lavoro di gruppo, voglia di muoversi.
Sarà attivato venerdì 8 e sabato 9 settembre (dalle 16.00 alle 18.00).
Ai ragazzi è offerta la possibilità di sperimentare 4 ore di pratiche di danza, arte che offre strumenti di gioco di squadra che divertono il corpo aumentandone la sua potenza, stimolando riflessi e reattività. E coinvolge le emozioni, costruisce attente relazioni con gli altri, con lo spazio e il tutto attorno. Attraverso semplici esercizi condivideremo un training per performer aperto anche a chi non ha mai praticato danza, teatro o altro prima d’ora. A proporre l’attività una giovanissima danzatrice: Tania Lo Duca.

Due incontri aperti a tutti coloro che desiderino dedicarsi alla propria percezione del corpo e dello spazio: attraverso semplici indicazioni si esplorerà l’ambiente lasciando il corpo diventare parte del paesaggio.
Nella “Crowdance” che attiveremo all’interno di “Electro Camp V” sabato 9 e domenica 10 settembre (ore 18.00-20.00) non sono richieste competenze specifiche ma curiosità, voglia di fare una nuova esperienza e di lavorare in gruppo.
La pratica, condotta dalla coreografa e danzatrice Laura Moro, si svolgerà all’interno di Forte Marghera, parco urbano che ingloba storia, natura e architettura.
L’ingresso è riservato ai soci Live Arts Cultures (tessera associativa 5 euro).

Per informazioni e iscrizioni:
info@liveartscultures.org
liveartscultures.org

Pagina Facebook: ElectroCampFestival e LiveArtsCultures

Foto di Lorenza Cini

Quattro laboratori, dedicati a suono e movimento, all’interno di “Electro Camp festival 2017” ultima modifica: 2017-08-14T14:34:10+00:00 da Alessandra Trevisan

Commenti

To Top