ARTE & CULTURA

Due pastori e una campana – i Mori di San Marco

pastori

Dal 1497 due pastori coperti da un succinto vello di ovino scandiscono le ore dalla torre dell’orologio di piazza San Marco. Le due statue alte ben 2 metri e settanta, chiamate i “do mori” per la loro pattina di ossido di bronzo, scandiscono in differita le ore.

pastori

Nella “Processione in piazza San Marco” di Bellini la torre non è ancora stata costruita

I due pastori che segnano il tempo di Venezia

Il vecchio barbuto inizia a suonare qualche minuto prima dell’ora esatta. Rappresenta il tempo passato. Il giovane invece, batte la campana subito dopo l’ora esatta. Rappresenta il futuro. A mezzogiorno e a mezzanotte due martelli supplementari, non visibili da piazza San Marco, danno una mano ai due mori ad aumentare il numero dei rintocchi. Un’altra campana di dimensioni ridotte ora non più esistente, veniva suonata da due piccoli martelli. Lo scopo era quello di richiamare l’attenzione della gente al fatto che di lì a poco i due Mori avrebbero battuto le ore. I due Mori fanno parte del complesso meccanismo dell’orologio astronomico della torre. Il sistema comprende due orologi a lancette, uno digitale, un carillon e i re magi. È stato più volte restaurato perdendo anche parte delle sue originarie funzioni.

pastori

La torre è invece ben visibile in questo quadro di Canaletto

Un po’ di storia

I mori e la campana furono fusi da Ambrogio delle Ancore. La leggenda racconta che la Serenissima fece strappare gli occhi al costruttore di questo orologio per impedirgli di replicare altrove una simile meraviglia. In realtà non fu così. Infatti Gian Carlo Ranieri verrà incaricato dalla stessa Repubblica di occuparsi della manutenzione dell’orologio. Una curiosità. Nella “Processione in Piazza San Marco”, tela del 1496 di Gentile Bellini, si può notare che la torre dell’orologio non era ancora stata costruita, mentre è invece visibile nei quadri del Canaletto (1697–1768).

Per saperne di più clicca qui.

Franco Corè

Autore: Franco Corè

Rimango spesso affascinato dall’atmosfera veneziana e mi chiedo il perché di tanta ed irresistibile attrazione. Mi immergo così con passione in ciò che riguarda la storia, i segreti e leggende della città di San Marco

Due pastori e una campana – i Mori di San Marco ultima modifica: 2018-04-20T13:09:34+00:00 da Franco Corè

Commenti

To Top