ARTE & CULTURA

Partono da Capitan Venezia i supereroi made in Italy dei Capitani Italiani

capitan venezia

Il ruggito del Leone

Piero Zanotto (giornalista professionista, critico cinematografico, sceneggiatore e massimo esperto della “narrativa disegnata” mancato nel 2016) in un’intervista rilasciata al quotidiano La Nuova Venezia – racconta Fabrizio Capigatti, creatore di Capitan Venezia – ci ha paragonato all’Asso di Picche. Detto da chi conosceva bene Pratt è uno dei più grandi complimenti che potessi mai ricevere.”

Capitan Venezia nasce nel 2008 dalle menti di Fabrizio Capigatti, sceneggiatore, ed Emanuele Tenderini, disegnatore. L’idea è di riportare viva nel cuore della città la passione per il fumetto.

capitan venezia

Prove di disegno per Capitan Venezia

Capitan Venezia e Venezia Comics

Ma è nel dicembre 2012 che, in occasione del Festival “Mestre Comics” (oggi Venezia Comics – Festival del Fumetto e della Cultura Pop di Venezia) che Capitan Venezia trova nuovo slancio. “Volevo creare un prodotto diverso. Pensavo a delle storie più adulte. Così, assieme ad alcuni amici che uscivano dalla Scuola del Fumetto di Venezia, abbiamo lavorato ad un restyling grafico. La direzione era quella del classico genere supereroi dei colossi Marvel e Dc. All’inizio – spiega Capigatti – volevamo solo divertirci, non sapevamo bene dove volevamo andare.”

Così Capitan Venezia e tutti i supereroi veneti che passano da Lady Vicenza a Capitan Treviso, da Lady Verona a Capitan Padova, iniziano questa nuova avventura. Catturano il pubblico nelle diverse fiere del settore sparse per il triveneto ottenendo un grande interesse.

capitan venezia

Lady Vicenza

L’universo dei Capitani

“Dopo i primi numeri ho capito cosa volevo. Quello che ho creato è un vero e proprio universo. Esso ha la sua forza nell’attaccamento alle nostre tradizioni, alla nostra cultura territoriale. Credo sia un modo nuovo di maneggiare il genere. Considerato il periodo storico poi, dove siamo tutti molto scontenti, ho voluto raccontare il malessere sociale attraverso i miei supereroi. Vede, se Capitan America nel 1941 combatteva contro i nazisti, oggi il supereroe ha di nuovo senso perché ci sono nuovi nemici. Uno su tutti la corruzione.”

Un eroe che ascolta i cittadini

Capitan Venezia racconta, utilizzando un tono quasi farsesco, temi di attualità. È così infatti che il fumetto ha anticipato la realtà. “Uscivamo in anteprima – ci racconta Capigatti – con il numero 4 alla fiera Rovigo Comics di fine maggio. Come da prassi si svolge durante il week end. In questo numero il personaggio di Orseolo Bravo, il sindaco di Venezia nel fumetto, veniva arrestato. Il mercoledì di quella stessa settimana arrestarono il vero sindaco! La sceneggiatura l’avevo finita a gennaio. Molto prima del fatto. Ma posso dire senza alcun dubbio che avevo solo raccolto il malumore cittadino”.

capitan venezia

Un estratto da Capitan Venezia

Il fumetto ha chiuso la sua prima serialità che comprende sette numeri. Oggi sono disponibili in un unico volume con la copertina realizzata da LRNZ, uno dei principali artisti a livello nazionale. Si può trovare sia in alcune fumetterie che on-line. Ma il Leone ha messo le ali, come ci spiega il suo papà. “La seconda stagione è già in lavorazione e stiamo ora colorando il numero pilota della stagione 2. Ho deciso di scrivere tutto come le serie tv, a stagioni. In  questo modo si avrà un arco narrativo limitato e non una serialità infinita”.

“Questo permette anche di intrecciarsi, attraverso i personaggi trasversali, alle storie degli altri supereroi italiani che ho creato. C’è un villain (il “cattivo”) che gestisce il traffico degli immigrati. Parte dalla Sicilia, con i campi profughi incontrando Capitan Palermo. Passa per Roma, dove incontra la supereroina locale, La Lupa, mentre affronta i pericoli che prendono spunto da Roma Mafia Capitale. E arriva fino a Venezia. Questo universo, i cui prossimi supereroi saranno Capitan Napoli e Capitan Milano, è il progetto dei Capitani Italiani.”

Un vero difensore di Venezia

La stagione 2 di Capitan Venezia affronterà sempre più le criticità della città. “Si parla di un’enorme opera pubblica, un tram sopraelevato, con annesso giro di tangenti – ci anticipa Capigatti. “Di mafia cinese, di primarie taroccate e di finanziamenti giunti dall’ambiente ecclesiastico al nuovo candidato in Regione. E queste sono solo alcuni dei temi trattati sempre utilizzando delle storie action di puro intrattenimento che permettano di far divertire il lettore ma anche, sotto sotto, di farlo pensare.”

Capitan Venezia

Autore: Capitan Venezia

Fabrizio Capigatti nasce nel 1976 a Venezia, dove vive e lavora. Nel 1999 crea il Gioco di Ruolo Venetia Obscura, nel 2001 la sua espansione Venetia Obscura – Espansione Laguna e nel 2005 esce Charme – il primo Gdr erotico ad ambientazione futurista. Da li in poi una serie di numerosi successi sino ad arrivare a scrivere per “Tatai Lab”, 47 Ronin Manga, trasposizione a fumetti della famosa opera teatrale giapponese Chushingura in collaborazione con l’Università Ca’ Foscari di Venezia e l’International Manga Museum di Kyoto e illustrata da Emanuele Tenderini da cui, nel 2016, è stata realizzata una mostra espositiva sui characters al “MAO – Museo d’Arte Orientale di Torino”.

Partono da Capitan Venezia i supereroi made in Italy dei Capitani Italiani ultima modifica: 2017-04-20T11:19:23+00:00 da Capitan Venezia

Commenti

To Top