itVenezia

CULTURA EVENTI MEMORIA

Per non dimenticare, il Giorno della Memoria 2021

Giorno Della Memoria

A Venezia il Giorno della Memoria. La città lagunare è una delle più vive e impegnate in questa ricorrenza che diventa ogni anno di più occasione di riflessione storica, civile e culturale. Perché, scriveva Primo Levi, testimone dello sterminio degli ebrei e dei lager, “La memoria umana è uno strumento meraviglioso ma fallace” (I sommersi e i salvati, 1985). Vent’anni fa, nel 2001, il Giorno della Memoria si ricordava a Venezia con soli due eventi. Era comunque un primo e importante segnale di testimonianza. Quest’anno gli appuntamenti in programma sono 64 distribuiti su tutto il territorio comunale.

Birkenau Memoria

La giornata scelta per ricordare le vittime dell’olocausto è il 27 gennaio. Ma da tempo questa data si dilata per diventare un mese di incontri, celebrazioni, dibattiti, appuntamenti musicali tutti finalizzati alla necessità di ricordare e di non dimenticare. Ogni anno sempre più una sfida, perché i testimoni diretti della Shoah sono inevitabilmente ogni anno di meno.

Cerimonia cittadina alla Fenice con musiche di Verdi e Ilse Weber

Grande protagonista di queste mese di celebrazioni sarà la giornata di domenica 24 quando si svolgerà, per la prima volta al Teatro La Fenice di Venezia, la cerimonia cittadina. Senza pubblico ma in diretta streaming sul sito internet www.teatrolafenice.it e sul canale YouTube del teatro. In programma non un concerto ma musica, come tiene a precisare il sovrintendente e direttore artistico Fortunato Ortombina, che ricorda quanto anche il mondo della musica abbia pagato un pesante tributo alla censura prima e poi alle leggi razziali. La celebrazione sarà dedicata ad Amos Luzzatto, già presidente dell’ Unione delle comunità ebraiche italiane, recentemente scomparso. Il coro della Fenice interpreterà due brani dal Nabucco di Verdi molto significativi per questa giornata. E poi due toccanti composizioni per pianoforte e fisarmonica di Ilse Weber.

Auschwitz

Poetessa, scrittrice di letteratura per l’infanzia, musicista, nel campo di Theresienstad dove era stata reclusa (morì ad Auschwitz insieme al figlio Tomàs nel 1944) scriveva favole e poesie. Alcune le metteva in musica, come Ich wandre durch Theresienstadt e Wiegala, una struggente ninna nanna composta proprio per i bambini del campo. Alla cerimonia interverranno il sindaco Luigi Brugnaro e il presidente della Comunità Ebraica di Venezia, Paolo Gnignati. Gli ebrei veneziani deportati nei campi di sterminio, tra il 1943 e il 1944, sono stati 246.

Quest’anno quindici nuove Pietre d’Inciampo

Un capitolo a parte meritano le Pietre d’Inciampo. Le Stolpersteine sono un monumento diffuso e partecipato ideato dall’artista tedesco Gunter Demnig per ricordare le singole vittime della deportazione nei campi di sterminio nazisti. Dal 2014 a Venezia sono state collocate 105 pietre d’inciampo: 96 dedicate a deportati razziali, 5 a deportati politici, una ad un internato militare, tre poste davanti agli ospedali Psichiatrico di San Servolo, Civile di Venezia e alla Casa di Riposo Israelitica.

Pietra Dinciampo

Ed è proprio dalla Casa di Riposo Israelitica che si partirà per le 15 pietre di quest’anno dedicate a Eugenio Todesco, Ida Dina Todesco, Bruno Todesco, Emilio Todesco, Mario Todesco, Sergio Todesco, Arrigo Jesurum, Eugenia Franco Pitteri, Susanna Calimani Nacamulli, Adele Almansi, Regina Abolaffio, Fernanda Gabriella Ascoli, Rosa de Leon, Giuseppe Todesco ed Emilio Scarpa. Non essendo possibile la partecipazione in presenza, l’evento si potrà seguire in diretta streaming sulla pagina Facebook del Comune di Venezia lunedì 25 gennaio alle 9.30.

L’importanza della memoria, tanti eventi dedicati ai giovani

Gli eventi in programma sono consultabili nella sezione Press del Comune, Giorno della Memoria 2021. Numerose le iniziative dedicate ai giovani, come l’appuntamento al Teatro Goldoni il 27 gennaio alle 11. In differita streaming sarà trasmesso sui canali social del Comune di Venezia il racconto teatrale Dal campo di calcio ad Auschwitz. L’università di Ca’ Foscari propone i martedì e i giovedì on air, con approfondimenti e letture di studenti e docenti dell’ateneo. Ogni appuntamento è dedicato ad un libro per capire una volta di più la tragedia della Shoah. All’Ateneo Veneto, sul suo canale YouTube, il 24 gennaio alle 17 Mosè in Egitto, arie di Gioacchino Rossini a cura di Musica Venezia. Il 26 gennaio alle 18 la proiezione del film di Roberto Faenza Jona che visse nella balena.

Per non dimenticare, il Giorno della Memoria 2021 ultima modifica: 2021-01-23T09:00:00+01:00 da Cristina Campolonghi

Commenti

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
To Top
1
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x