LO SAPEVI CHE

Il Lido di Venezia, la perla dell’Adriatico

lido di venezia

Un tempo il Lido di Venezia era considerato uno dei luoghi più esclusivi dove passare le vacanze estive. I più famosi attori dell’epoca posavano per i fotografi sulla terrazza del Grand Hotel o sulle lunghe spiagge assolate. Si trattava di un turismo di altissimo livello, esclusivo.

lido di venezia

Mastroianni e Fellini in una spiaggia del Lido

La perla dell’Adriatico ha cambiato faccia

Nel corso degli anni le cose sono però molto cambiate. Anche se rimane meta del jet set internazionale durante il Festival del Cinema, questa meravigliosa isola deve sopportare problemi molto simili a quelli di Venezia. Se si vuole passare una giornata al mare durante il periodo estivo infatti, ci si trova alle prese con il problema del sovraffollamento turistico. Arrivare al Lido con il vaporetto è difficile, trovare mezzo metro di spiaggia libera nel Lungomare è un’impresa, ma tornare a Venezia la sera è quasi impossibile. Si sta stipati come merce nei vaporetti, tra l’odore di sudore e la pelle appiccicosa della gente. Non mancano le risse per salire sui mezzi pubblici a Santa Maria Elisabetta, come purtroppo mi è capitato di constatare durante i mondiali di calcio. Per evitare tutti questi disagi basta aspettare il mezzo successivo. Perché farsi prendere dal nervosismo e dalla fretta, quando si può sorseggiare un buon cocktail e avere un vaporetto tutto per sé?

lido di venezia

Le dune degli Alberoni

I tesori del Lido di Venezia

Esiste però anche un Lido diverso, fatto di luoghi affascinanti, talmente belli da togliere il fiato. Se per esempio ci si inoltra nelle stradine che si diramano ai lati del Gran Viale, si possono scoprire numerose villette costruite secondo i dettami della Belle Epoque. Un vero viaggio nel passato illustre di questa perla dell’Adriatico. Continuando poi verso nord si giunge alla spiaggia di San Nicolò. Questo lato dell’isola è stupendo e poco frequentato dai turisti.

Ma la parte più suggestiva è sicuramente quella degli Alberoni. Posta vicino al paesino di Malamocco, questa è forse la zona più selvaggia e incontaminata del Lido. Da una fitta pineta si passa a delle dune di sabbia che immettono a una lunga spiaggia. Qui i turisti sono davvero pochi e a volte ci si sente come trasportati in un luogo lontano.

Questi luoghi da sogno sono alla portata di tutti, ma non bisogna dimenticare che al Lido ci sono persone che ci abitano e ci lavorano. Rispettate quindi gli abitanti, non lasciate rifiuti per terra e buona estate al Lido.

Andrea Castello

Autore: Andrea Castello

Nasce come restauratore di opere d’arte a Venezia, dove collabora anche con vari giornali locali e nazionali. Si sposta prima in Francia e poi a Malta dove lavora come istruttore di sub per alcuni anni. Le grandi passioni che guidano la sua vita sono la pittura, la buona cucina e naturalmente la scrittura.

Il Lido di Venezia, la perla dell’Adriatico ultima modifica: 2018-05-22T13:06:18+00:00 da Andrea Castello

Commenti

To Top