EVENTI STORIA, ARTE E CULTURA

Mare blu, mostra di MUVE contemporaneo a Forte Marghera

Mare Blu Forte Marghera . Tesa Senza Tetto

Mare blu” è la nuova mostra a Mestre, a Forte Marghera. L’esposizione dedicata al tema dell’acqua trova la collocazione ideale negli spazi del forte ottocentesco. Un luogo che si affaccia sulla laguna pur essendo un avamposto di difesa usato durante le guerre mondiali. Il forte era parte del campo trincerato di Mestre e del più ampio sistema difensivo della laguna. Oggi proprietà del comune di Venezia, è insieme parco pubblico, sede di eventi e di produzioni culturali. Acqua e storia convergono in un ambiente animato da mostre di sapore contemporaneo. Oltre al padiglione-evento collaterale di Biennale, la mostra “Mare blu” prosegue un ciclo di collaborazioni coi Musei Civici di Venezia.

Gli spazi e le opere a Forte Marghera

Mare blu”  riunisce opere diverse ma accomunate da una coincidenza formale. Infatti tutti i lavori artistici esposti rendono omaggio all’acqua e alle onde, allo scorrere, al sommergere e al dare vita. Un fluido insieme di video  e immagini cinematografiche occupano gli storici spazi di Forte Marghera.

Forte Marghera Tesa

Il forte è protagonista del lembo di terraferma abbracciato dai canali lagunari. Qui troviamo “The Raft” di Bill Viola e le citazioni raccolte dallo storico del cinema Gian Piero Brunetta, accanto alle fontane di Massimo Bartolini. Il mare è il soggetto, con tutte le sue forme e la sua portata simbolica oltre che storica. Il mare soggetto e ispiratore di molti artisti, qui declinato in tre capitoli per tre installazioni.

L’opera di Bill Viola e le fontane di Bartolini

“The Raft” è un’opera dello statunitense Bill Viola, considerato uno dei massimi autori internazionali di videoarte. Diciannove persone riunite in maniera apparentemente casuale vengono travolte da un’onda, inattesa e fuori luogo. Le riprese di questo video del 2004, dalla durata di 10 minuti sono state fatte in tempo reale.

Mare Blu Theraft Billviola

Mare blu: fotogramma da “The raft” di Bill Viola

In realtà scorrono davanti al visitatore a ralenti, con lo scopo di mostrare la fisicità dell’acqua. La forza dell’elemento prova, di contro, la vulnerabilità  delle persone investite dalla sua massa erompente e fragorosa.  Le fontane sculture di Massimo Bartolini trovano posto in una tesa senza copertura, dove l’artista ha collocato le sue opere con l’intenzione di abitare lo spazio e costruire un sistema di relazioni tra socialità e ritualità attraverso e grazie all’acqua. In questo caso è quella della laguna veneziana, con la sua temporalità, le sue stagioni, i suoi riti sociali.

I film selezionati da Brunetta per Mare blu

La tesa ha perso il tetto, ma ha mantenuto il suo perimetro, entro il quale l’elemento acquatico va a costruire uno spazio di incontro e condivisione. A cura dello storico del cinema Gian Piero Brunetta è l’installazione formata da una serie di schermi video che veicolano una raccolta di frammenti tratti da più di 80 film. Si tratta di un racconto per immagini tratte da oltre 80 film selezionati, unite dal tema del mare.

Mare Blu Ulisse E I Suoi Discendenti 02

Mare blu. Un fotogramma selezionato da Brunetta

Qui l’acqua viene narrata nella sua complessità e simbologia. I frammenti cinematografici traducono in visione la sua forza e l’importanza nel connettere continenti e umanità, popoli e culture. Forte Marghera non ospita la propria rappresentazione ma diventa contenitore di opere che raccontano ciò che è oggi. Un luogo storico, complesso architettonico ottocentesco recuperato e trasformato, immerso in una città che appartiene al mare come alla terraferma, all’oggi come alla sua storia, oggi sede ideale per l’arte contemporanea.

 

Forte Marghera Via Forte Marghera, 30 Mestre Venezia

Orari;  15- 23 giugno 2019 11.00 – 21.00

Dal 24 giugno al 13 ottobre 2019 15.00-21.00

Chiuso il lunedì

per maggiori info: https://www.visitmuve.it/it/mare-blu/mostra/

Luisa Galati

Autore: Luisa Galati

Giornalista curiosa e appassionata di cinema e arte.
Di formazione classica, scrive per alcune testate sul web, intervista italiani all’estero per “Mollotutto”, e ha creato “Cinema&photo”, un blog tutto dedicato alla fotografia e al cinema. Si divide tra Venezia, città d’origine, e la Città Eterna

Mare blu, mostra di MUVE contemporaneo a Forte Marghera ultima modifica: 2019-07-24T15:21:07+02:00 da Luisa Galati

Commenti

To Top