INTERVISTE

Radio Ca’ Foscari: la web radio degli studenti dell’Università Ca’ Foscari

Radio Ca' Foscari

A Venezia, dal 2007, trasmette Radio Ca’ Foscari, una delle tante web radio nate all’interno degli atenei italiani. Uno spazio per raccontarsi e comunicare, attraverso programmi di intrattenimento e informazioni. Abbiamo incontrato Nicolò Groja, responsabile del progetto.

L’INTERVISTA

Come ti sei avvicinato al progetto Radio Ca’Foscari?

Si può dire che il progetto Radio Ca’ Foscari l’ho visto nascere, ma mi ci sono approcciato per caso. Ho incontrato per strada una persona che non vedevo da qualche tempo, abbiamo fatto due chiacchiere e poi mi ha chiesto “Sto andando alla prima riunione di un progetto per la radio dell’università: vuoi venire?”. Io non avevo niente da fare e sono andato. Mi sono detto: “Magari è interessante”. Era il 2007 e sì, era interessante!

Qual è stato il percorso che ha portato questa web radio universitaria ad avere in palinsesto tanti programmi che coprono tematiche così diverse, non solo universitarie?

Non è stato un vero e proprio percorso, ma una scelta che si è fatto fin da subito. Chi vuole collaborare con Radio Ca’ Foscari deve avere la possibilità di proporre e sviluppare una sua idea di programma. Crediamo che la radio sia un laboratorio in cui si possono imparare molte cose. Ma è più divertente e appassionante se si ha la libertà di approfondire un argomento per cui già si ha un interesse di qualche tipo. In più, credo che la varietà sia positiva per gli ascoltatori e per le altre persone che fanno radio, perché ognuno può imparare dagli altri.

Radio Ca' Foscari

Il logo della radio

SPEAKER E TARGET

Com’è il rapporto fra impegno nello studio e impegno nei confronti della radio? È possibile dedicare tempo sufficiente ad entrambe le cose?

Dipende da persona a persona, credo. Io ho fatto una triennale, una magistrale e un dottorato, sempre facendo radio in parallelo (prima come hobby, poi per lavoro). Direi che si possono certamente fare entrambe le cose. C’è però anche chi durante le sessioni d’esame sospende il suo programma, perché si dedica solo allo studio. Sono scelte che uno fa in base a come riesce a organizzarsi e in base al peso che vuole dare alla sua attività in radio. Da un altro punto di vista, in base a quanto la radio è riuscito ad appassionarlo. Chi è innamorato di una cosa trova sempre il tempo per farla. O quasi!

La fascia d’età che ricercate è strettamente quella universitaria o cercate, oppure già sapete di avere, ascoltatori di età diverse?

Il target di riferimento principale di Radio Ca’ Foscari sono gli studenti universitari, chiaramente. Ma i dati ci dimostrano che abbiamo ascoltatori di varia provenienza (anagrafica quanto geografica). Ci sono molti ex studenti, veneziani, persone che hanno vissuto a Venezia e trovano in noi un contatto con la loro vecchia città, ma anche persone qualsiasi che ci scoprono sui social. Quando mi fanno questa domanda porto sempre lo stesso esempio. Un signore che vive e lavora in Puglia ci ha scoperti su Twitter e ha iniziato ad ascoltarci. E’ diventato un nostro fan accanito, tanto da spedirci in dono un mosaico da giardino, che ci ha inviato via posta, per ringraziarci della compagnia che gli facciamo. Se ci penso ancora mi stupisco, ma è significativo del fatto che – essendo una web radio – i nostri ascoltatori posso arrivare davvero da ogni dove!

Radio Ca' Foscari

Studenti di Cà Foscari

VITA UNIVERSITARIA ALLA RADIO?

Raccontare la vita universitaria e i servizi dell’Università significa anche raccogliere le lamentale o i suggerimenti degli studenti. E’ così? Qual’è l’aspetto della vita universitaria che interessa di più chi vi ascolta?(tasse, mensa, etc…)

Onestamente, e paradossalmente, questi sono aspetti che hanno toccato Radio Ca’ Foscari in maniera molto marginale. Chi viene a fare un programma spesso parla di altro, vuole un po’ staccare dall’Università. E chi ci ascolta forse non ha mai pensato che potessimo essere utili in questo senso, o comunque nessuno ha palesato una necessità di questo tipo. Ma noi siamo una realtà in costante movimento, e chiunque volesse chiederci uno spazio per suggerimenti e lamentele – o addirittura volesse prendersi la briga di condurlo! – non deve far altro che contattarci: siamo pronti ad ascoltare e far ascoltare gli altri in qualsiasi momento.

Trasmettete da Venezia. Quali sono le difficoltà e i pregi di vivere in una città così particolare?

Le difficoltà, soprattutto per chi viene da fuori, sono quelle derivanti dal doversi confrontare con una città completamente diversa da qualsiasi altro posto al mondo. Non ci sono auto, non ci sono grandi poli commerciali di riferimento. Non in centro storico, ovviamente! i trasporti costano molto, i traslochi fanno diventare matti, etc. D’altro canto siamo a Venezia, una città che ha davvero tanto da offrire a chi la sa guardare con attenzione. Arte e storia soprattutto, ma non solo: cibo, teatro, cinema, libri e letteratura, cultura a tutto tondo. Abbiamo anche la fortuna di avere due università (Ca’ Foscari soprattutto, ma anche IUAV) che hanno molto a cuore la cosiddetta “terza missione” ed offrono veramente tante attività extradidattiche ai propri studenti, e spesso anche alla cittadinanza tutta. Poi, chiaramente, se uno cerca una super discoteca non la troverà, ma non si può sempre avere tutto.

COME ASCOLTARE RADIO CA’ FOSCARI

Curiosi si conoscere Radio Ca’Foscari? Ascoltateli dal sito www.radiocafoscari.it e seguiteli nei social, sempre aggiornati con tutte le novità!

Lucia Vazzoler

Autore: Lucia Vazzoler

Letteratura, teatro e radio. E tanta musica. Questi gli interessi che giorno dopo giorno arricchiscono la mia valigia. Vengo dalla provincia veneta, ora vivo a Trieste e lavoro a Radio Fragola.

Radio Ca’ Foscari: la web radio degli studenti dell’Università Ca’ Foscari ultima modifica: 2017-11-08T10:34:32+00:00 da Lucia Vazzoler

Commenti

To Top