INTERVISTE VENEZIA DA SCOPRIRE

Spiller: l’elettronica a Venezia tra More Festival e Nano Rec

spiller

In occasione del More Festival, sbbiamo incontrato Spiller, all’anagrafe Cristiano Spiller, uno dei dj veneziani più noti nella scena internazionale. Groovejet (If This Ain’t Love) e Pigeonman’s Revenge sono alcuni dei suoi singoli che tuttora ci fanno ballare!

L’intervista

Partiamo dal More Festival. Un appuntamento che si è sviluppato anche grazie alla collaborazione della crew Crocodiles in Venice di cui fai parte. Ci puoi raccontare come nasce questa crew? Al More festival che cosa portate?

Crocodiles in Venice era inizialmente una serata di musica elettronica a cadenza settimanale ospitata dal locale F30, vicino al Ponte Calatrava. Per una stagione da Novembre a Giugno abbiamo affiancato ogni mercoledì sera un artista internazionale ad un talento locale. Marco Ridu si occupava della comunicazione, io della lineup e Luca Zamoc dell’immagine grafica. E’ stato un format senza precedenti a Venezia e ci ha dato molte soddisfazioni. Lo stesso anno nasceva il More Festival da 3 amici francesi che, innamorati della nostra città, hanno azzardato la produzione di un Festival di 4 giorni in 3 location differenti nella laguna di Venezia. Quell’anno mi chiamarono chiedendomi di fare un DJ set il sabato sera nell’isola della Certosa con Acid Pauli e Agoria, ricordo di aver pensato “Wow.. bello ma è un suicidio, troppo ambizioso! Questi sono pazzi!”, poi è bastato conoscerli per farsi contagiare dalla loro missione ed eccoci qui, 5 anni dopo, Crocodiles in Venice segue tutta la produzione e la promozione locale del Festival.

Qualche anticipazione sul tuo set al More Festival?

L’anno scorso ho chiuso il Festival la domenica sera al Forte Marghera ed è stato bellissimo, quindi quest’anno riproporremo la formula e suonerò dalle 23:00 dopo l’attesissimo set di Hunee. Non so darvi anticipazioni sulla musica perché improvviso sempre i miei set.

spiller

Dj Spiller

Nano Rec e progetti futuri

Spiller: dj produttore e owner della Nano Rec. Come è iniziata questa avventura?

Ah! La mia carriera da dj è iniziata 27 anni fa, se ci penso mi gira la testa! Cercherò di essere sintetico con le tappe più importanti: Nel 1995 le prime serate a Jesolo come resident all’House Nation, locale che mi ha dato tanto e che porto sempre nel cuore. Nel 1997 il primo successo come producer con Laguna “Spiller From Rio” prodotto in collaborazione con un altro Veneziano illustre: Tommy Vee. Nel 2001 il succeso interplanetario di Groovejet, i tour in giro per il mondo. Nel 2003 dal desiderio di avere più controllo sul marketing e la distribuzione della mia musica è nata la Nano Rec, prima label di musica elettronica con sede a Venezia centro storico.

Ci puoi svelare qualcosa sui tuoi progetti futuri?

Sto lavorando ad alcune uscite come Spiller che spero vedano luce entro l’anno, ma preferisco non svelare ancora nulla. Inoltre da ormai 6 anni produco della musica con un alias “segreto” con il quale mi diverto molto, è come avere un alter ego.

Venezia

Sei una star a livello internazionale che parte da Venezia. Cosa c’è della tua città nel tuo modo di far musica?

La nostra città in quanto a unicità non conosce rivali al mondo, non voglio assolutamente definire la mia musica “unica al mondo” ma senz’altro uno dei miei obbiettivi è di mettere sempre qualcosa di unico in quello che produco e in quello che suono come dj.

Una curiosità. Il disco o il brano che stai ascoltando di più in questo periodo.

Te ne dico tre:
Parcels “Older”
Blitzen Trapper “I Am A Man Of Constant Sorrow”
Marcos Valle “It’s Time To Sing (E Preciso Cantar)”

Lucia Vazzoler

Autore: Lucia Vazzoler

Letteratura, teatro e radio. E tanta musica. Questi gli interessi che giorno dopo giorno arricchiscono la mia valigia. Vengo dalla provincia veneta, ora vivo a Trieste e lavoro a Radio Fragola.

Spiller: l’elettronica a Venezia tra More Festival e Nano Rec ultima modifica: 2017-06-02T12:34:27+00:00 da Lucia Vazzoler

Commenti

To Top