UNIVE

“Donne in guerra” – 3 luglio inaugurazione mostra a CFZ

Donne in guerra

“Donne in guerra”, le donne durante la Grande Guerra

Quale posto migliore di una biblioteca per fuggire al caldo tropicale dell’estate veneziana? CFZ Cultural Flow Zone tiene le porte aperte e vi invita giornalmente a fermarvi al fresco per sfogliare un libro, il giornale o per prendervi un caffè tra una pausa e un’altra. E se vi siete per caso persi i cineforum di Radio Ca’ Foscari o i vari eventi organizzati da CFZ non temete: il 3 luglio alle ore 18:00 ci sarà l’inaugurazione della mostra foto-documentaria “Donne in guerra” a cura di Monica Negru e Cornel Ilie, che si manterrà fino al 18 luglio.

Donne in guerra

Crocerossine nella Grande Guerra

Regina Maria di Romania e la Croce Rossa

Donne in guerra si incentra sul servizio che le donne romene hanno dato durante la Prima guerra mondiale (1914-1918): soldatesse, avvocatesse, scrittrici e attiviste. E infine crocerossine, infermiere e aiutanti che hanno tutte contribuito a salvare centinaia di feriti e orfani e a portare il buonumore tra le truppe di soldati -il buonumore, cosa che per quanto poco ne so non va sottovalutata in tempi di guerra.

Donne in guerra rivolge particolarmente l’attenzione su una figura cardine della storia femminile: Regina Maria di Romania. Svolse un ruolo fondamentale per l’organizzazione della Croce Rossa, la quale attività si è mantenuta costante anche nei giorni più difficili e rischiosi. Basti pensare alle ambulanze che hanno persistito nel loro servizio nonostante bombardamenti e imboscate. La Croce Rossa da sempre si fonda su un principio di imparzialità: “Non fa alcuna distinzione di nazionalità, razza, religione, di condizione sociale o di appartenenza politica. Si dedica esclusivamente a soccorrere gli individui a seconda della gravità e dell’urgenza delle loro sofferenze.” Regina Maria prestò personalmente servizio come infermiera volontaria e per raccogliere fondi per l’associazione pubblicò il libro “Il mio Paese”.

Contro gli stereotipi

Inoltre la mostra foto-documentaria Donne in guerra simboleggia un ulteriore piccolo ma significativo passo verso la presa di coscienza della figura femminile nella storia e verso l’emancipazione delle donne. Per mettere in chiaro la realtà dei fatti: contro lo stereotipo della donna che durante la guerra “stava a casa e basta” a prendersi cura di figli e pulizia. Tutt’altro. La Grande Guerra fu un’occasione per le donne di sostituire gli uomini nel lavoro in città e in campagna, trovando finalmente spazi di autoaffermazione. Mentre le donne che scendevano sul campo di battaglia rischiavano la vita  allo stesso modo di colonnelli e tenenti.

Donne in guerra

Donne che prestano aiuto sul fronte- indossando pantaloni

La mostra sarà aperta da martedì 3 a giovedì 19 luglio, l’ingresso è libero.

Orari
Lun/Sab 10.00 – 19.00
Dom 15.00 – 19.00

Olimpia Peroni

Autore: Olimpia Peroni

19 anni, studentessa di lettere alla Ca’ Foscari. Osservo, leggo, recito, ascolto musica e persone, tra una cosa e l’altra scrivo storie e rime per costruirmi una certa idea di mondo.

“Donne in guerra” – 3 luglio inaugurazione mostra a CFZ ultima modifica: 2018-07-03T09:32:59+00:00 da Olimpia Peroni

Commenti

To Top