ARTIGIANATO

Mercato Genuino Clandestino al Centro Sociale Rivolta

Genuino Clandestino

Avete mai pensato da dove vengono i prodotti che ogni giorno riempiono i nostri frigo? Se siete interessati al cibo e alla consapevolezza della vostra spesa non perdete al Centro Sociale Rivolta Genuino Clandestino. Il mercato di produttori e artigiani in rete. Nato come spazio per sperimentare un modello di economia che impegna reciprocamente produttori, artigiani e consumatori per cambiare le catene di distribuzione. Ma anche ridurre la distanza alimentare, valorizzare le relazioni sociali, sensoriali e gustative. Genuino Clandestino è riuscito in questi anni a sviluppare una rete tra chi produce e chi consuma. Il mercato si svolgerà domenica 14 gennaio dalle ore 10.00 alle ore 18.00 con ingresso gratuito.

Il Movimento

Accanto alla grande agricoltura, in Italia esiste un’agricoltura di piccola scala, dimensionata sul lavoro contadino e sull’economia familiare. Una pratiche orientata all’autoconsumo e alla vendita diretta. Fatta di contadini e buone pratiche sul territorio. Di basso o nessun impatto ambientale, fondata su una scelta di vita legata a valori di benessere, ecologia, o solidarietà più che a fini di profitto.

Un’agricoltura quasi invisibile per i grandi numeri dell’economia a cui siamo abituati. Ma irrinunciabile per mantenere fertile e curata la terra. Questo vale soprattutto in montagna e nelle zone economicamente marginale. Proprio in questo modo è possibile mantenere la diversità di paesaggi, piante e animali. Ma anche i saperi, le tecniche e i prodotti locali. Inoltre questa coltivazione aiuta a mantenere popolate le campagne e la montagna. Da qui  nasce Genuino Clandestino. Per difendere un’agricoltura che rischia di scomparire. Ma anche per ottenere un riconoscimento che la valorizzi rispetto a quella imprenditoriale e industriale.

Genuino Clandestino

Appuntamento a Marghera con Genuino Clandestino!

Genuino Clandestino quando il cibo è autodeterminazione

Il movimento Genuino Clandestino nasce nel 2010. All’inizio si struttura come una campagna di comunicazione per denunciare un insieme di norme ingiuste. Queste, mettendo sullo stesso piano i cibi contadini con quelli delle grandi industrie alimentari, li ha resi fuorilegge. Proprio per questo Genuino Clandestino rivendica fin dalle sue origini la libera trasformazione dei cibi contadini.
Così si presentano nel loro sito: “Siamo reti territoriali di contadini, artigiani, studenti, lavoratori delle comunità rurali e delle città metropolitane. Cuochi, attivisti politici, persone e famiglie che fanno la spesa nei mercati clandestini. “

Lucia Vazzoler

Autore: Lucia Vazzoler

Letteratura, teatro e radio. E tanta musica. Questi gli interessi che giorno dopo giorno arricchiscono la mia valigia. Vengo dalla provincia veneta, ora vivo a Trieste e lavoro a Radio Fragola.

Mercato Genuino Clandestino al Centro Sociale Rivolta ultima modifica: 2017-01-03T15:03:55+00:00 da Lucia Vazzoler

Commenti

To Top