itVenezia

EDIFICI STORICI FESTE E SAGRE SITI RELIGIOSI STORIA, ARTE E CULTURA TRADIZIONI

Il Tendon del Dose torna in campo per la festa di San Rocco

61143e9929898 61143e9929899giovanni Antonio Canal, Il Canaletto The Feast Day Of St Roch Wga03905.jpg

Torna un importante appuntamento agostano molto sentito dai veneziani che ogni anno, il 16 agosto, ricordano la tradizione plurisecolare che lega la città a San Rocco. Religione, arte, cultura mettono in relazione il Santo di Montpellier (1345/50-1376/79) alla città lagunare. San Rocco si prodigava per gli ammalati in un periodo storico in cui il morbo della peste era molto diffuso. Fu contagiato e morì in Italia, probabilmente a Voghera, nella notte tra il 15 e il 16 agosto. E’ stata proprio una pandemia, quella più recente del Covid 19, a modificare lo scorso anno gli appuntamenti per la festa del Santo a Venezia. Che torna in questo 2021 nel rispetto di tutte le norme governative per la limitazione dei contagi. Eccezionalmente, viste le nuove procedure, la cerimonia religiosa non si terrà nella chiesa dedicata a San Rocco ma nella Sala Capitolare della celebre Scuola Grande.

16 agosto: il programma della giornata dedicata a San Rocco

Il programma di questa consolidata tradizione plurisecolare – San Rocco non è solo il Santo della Scuola Grande ma anche il compatrono di Venezia – prevede l’arrivo del patriarca Francesco Moraglia alla Scuola Grande la mattina del 16 agosto a bordo di una gondola della Canottieri Querini. La messa nella Sala Capitolare sarà celebrata alle 10.30, preceduta da una visita nella chiesa che custodisce il corpo del Santo e da una processione fino alla Scuola.

Festa San Rocco Baldacchino E Reliquia Sala Capitolare

Alla fine della celebrazione liturgica avverrà la consegna del Premio San Rocco 2021 dedicato a persone o associazioni che si sono particolarmente distinte in opere umanitarie. Ma l’immagine più legata alla Festa di san Rocco è quella del Tendon del Dose, uno scenografico baldacchino sostenuto da antiche strutture in legno che copre quasi completamente il campo e che in passato serviva a rendere più spettacolare e solenne la processione delle principali autorità dello Stato Veneto.

San Rocco Venezia (interno) San Rocco Risana Gli Appestati
Tintoretto, San Rocco risana gli appestati

Anticamente infatti la Scuola di Grande di San Rocco era l’unica ad avere il privilegio della visita del Doge. Un appuntamento importante, curato nei minimi particolari come testimonia un celebre quadro di Canaletto custodito alla National Gallery di Londra. Se ne può vedere una copia nella stessa Scuola Grande, la cui Arciconfraternita è erede e custode di opere di inestimabile valore. Un nome per tutti, quello di Jacopo Tintoretto. Tintoretto ha legato indissolubilmente il suo nome alla Scuola Grande di San Rocco dove ha lavorato per oltre vent’anni dal 1564 al 1588. Proprio a San Rocco, e alla sua dedizione agli ammalati, il grande artista ha dedicato San Rocco risana gli appestati, opera conservata nel presbiterio della chiesa adiacente.

Il tradizionale concerto in campo sotto il Tendon

In questa giornata speciale la Scuola Grande sarà aperta al pubblico – con l’offerta simbolica di un euro da donare in beneficenza – dalle 13 alle 18. Sarà aperta e visitabile gratuitamente, con lo stesso orario, anche la chiesa. La giornata si chiuderà con il tradizionale concerto, alle 20.30, in campo sotto il Tendon. Sul palco il gruppo dei Virtuosi Veneti con un ricco programma che prevede musiche di Vivaldi, Corelli, Tartini. Come ormai noto, la pandemia ha costretto gli organizzatori a limitare il numero dei posti disponibili. Il concerto sarà trasmesso quindi in diretta sulle pagine social della Scuola Grande, facebook.com/SroccoVeneziaSG e instagram.com/scuolagrandesanrocco.

Il Tendon del Dose torna in campo per la festa di San Rocco ultima modifica: 2021-08-13T10:44:22+02:00 da Cristina Campolonghi

Commenti

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
To Top
2
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x