STORIA, ARTE E CULTURA

Peggy Guggenheim gratuito per la settimana della Salute

Peggy Guggenheim salute

Veneziani: carta d’identità in mano

Nella settimana dal 16 al 21 novembre il Peggy Guggenheim è gratis e non serve nemmeno la prenotazione. Bastano solo due cose. La prima, essere residenti dei 44 comuni di Venezia. La seconda, presentarsi con documento d’identità (e/o tessera Venezia Unica). Il gioco è fatto.

Presentazioni gratuite al Peggy Guggenheim

Dal 16 al 21 novembre le consuete presentazioni al pubblico sono sostituite dai seguenti appuntamenti (fino a esaurimento posti), in lingua italiana (ITA) o inglese (ENG).
10.30 – Peggy Guggenheim a Venezia (ITA)
11.30 – 1948: The Biennale of Peggy Guggenheim (ENG)
12.30 – Osvaldo Licini. Che un vento di follia totale mi sollevi (ITA)
14.00 – 1948: la Biennale di Peggy Guggenheim (ITA)
15.00 – Osvaldo Licini: Let Sheer Folly Sweep Me Away (ENG)
16.00 – Peggy Guggenheim in Venice (ENG)
17.00 – Osvaldo Licini. Che un vento di follia totale mi sollevi (ITA)

Quello di Osvaldo Vicini è un evento da non perdere: sono passati 60 anni dalla sua scomparsa e da quando la Biennale di Venezia lo ha premiato nel ’58 con il Gran Premio per la pittura. La mostra Che un vento di follia totale mi sollevi si apre con le tele giovanili, per proseguire con 11 sale espositive e oltre cento opere.

Peggy Guggenheim salute

Osvaldo Licini, “Castello in aria”, Peggy Guggenheim

Per i bambini…

Domenica 18 novembre, per bambini dai 4 ai 10 anni, il Peggy Guggenheim ha organizzato due incontri incentrati sull’artista e pittore italiano Osvaldo Licini:
11.00 – Osvaldo Licini: Quando la poesia incontra la geometria
15.00 – Osvaldo Licini: Quando la poesia incontra la geometria

Per questi due incontri la prenotazione telefonica obbligatoria, a partire dalle 9.30, mercoledì 14 novembre al numero +39 041 2405444

Gli sconti al Peggy Guggenheim

Ci saranno anche degli sconti per i veneziani. Basta esibire il biglietto gratuito:
Sconto del 20% sulla prima iscrizione agli Amici della Collezione, il 15% sulle consumazioni al Museum Café e il 10% su tutti i prodotti dei due Museum Shop

Basta essere residenti di…

Annone Veneto, Campagna Lupia, Campolongo Maggiore, Camponogara, Caorle, Cavallino-Treporti, Cavarzere, Ceggia, Chioggia, Cinto Caomaggiore, Cona, Concordia Sagittaria, Dolo, Eraclea, Fiesso d’Artico, Fossalta di Piave, Fossalta di Portogruaro, Fossò, Gruaro, Jesolo, Marcon, Martellago, Meolo, Mira, Mirano, Musile di Piave, Noale, Noventa di Piave, Pianiga, Portogruaro, Pramaggiore, Quarto d’Altino, Salzano, San Donà di Piave, San Michele al Tagliamento, San Stino di Livenza, Santa Maria di Sala, Scorzè, Spinea, Stra, Teglio Veneto, Torre di Mosto, Venezia, Vigonovo.

La Festa della Madonna della Salute

Da quattro secoli pellegrini provenienti da ogni dove arrivano a Venezia per ringraziare la Vergine Maria per chiedere qualche guarigione miracolosa. Come la Festa del Redentore, la Festa della Salute intreccia le sue origini con l’epidemia di peste del 1630-31. Dopo una processione di tre giorni e tre notti, i veneziani fecero voto solenne alla Madonna: giurarono di costruire un tempio in suo onore se la città fosse sopravvissuta. In  poche settimane i contagi diminuirono. Morì circa un quarto della popolazione (sulle 47mila persone).  Il voto venne portato a termine e la Basilica della Madonna della Salute venne innalzata.

Peggy Guggenheim salute

Basilica della Madonna della Salute

Olimpia Peroni

Autore: Olimpia Peroni

19 anni, studentessa di lettere alla Ca’ Foscari. Osservo, leggo, recito, ascolto musica e persone, tra una cosa e l’altra scrivo storie e rime per costruirmi una certa idea di mondo.

Peggy Guggenheim gratuito per la settimana della Salute ultima modifica: 2018-11-16T22:01:35+00:00 da Olimpia Peroni

Commenti

To Top